DESIDERATA

È così

che mi voglio sentire:

desiderata

e, nel contempo,

intensamente amata

 

Perché la bellezza,

che l’uomo tanto apprezza,

esplode improvvisamente

con la giovinezza

ma s’accompagna

solitamente

ad una finta carezza

 

che fa insorgere una cupa tristezza

per le ferite, ancora aperte,

che lasciano dentro tanta amarezza

 

Brano associato:

SE È VERO CHE CI SEI

(Biagio Antonacci)

Ciao bambina, mi sembra di avertelo già detto che se approfittassi di te sarei in difficoltà con me stesso perché consapevole di commettere adulterio. Tutto il mio agire, nei tuoi confronti, è  mirato semplicemente a dimostrarti che il tuo cuore è sempre pronto a nuove esperienze che ti condurranno alla meta. Devi solo accettare il fatto che le cose non possono andare come vorrebbe la tua mente, perché lei, in fatto di cuore, non capisce proprio niente. A questo punto mi odierai, probabilmente, ma Ti voglio comunque ringraziare, sinceramente, per il tempo che mi hai dedicato, pazientemente, durante il quale, lo confesso -di Te- mi sono innamorato perdutamente. Non mi sorprenderei se il mio cuore palpitante, in questo stesso istante, mi suggerisse la trama per scrivere uno stupendo romanzo d’Amore

… <<Ciò che desideri non ha importanza: Dio, il denaro, il potere, il prestigio, l’amore … Il desiderio è desiderio, il suo sapore è sempre lo stesso: il desiderio ti allontana dal presente, dal quieora, ti porta nel futuro, in un altro luogo; il desiderio non ti permette di rilassarti nel momento presente, ti porta lontano dal tuo essere. Pertanto, fai attenzione, non è importante il tipo di desiderio; potresti desiderare di diventare presidente della repubblica, oppure avere tanto denaro, oppure la santità o Dio o la verità: il desiderio è desiderio. Il desiderio afferma che sei scisso tra ciò che sei e ciò che vorresti essere. Questa è angoscia, questa è ansia e l’ansia non ti permette di diventare una canna di bambù vuota. Essere una canna di bambù vuota indica uno stato di assenza di desiderio. Allora sei completamente vuoto e quel vuoto ha una chiarezza propria, quel vuoto ha una sua santità: è talmente puro, talmente innocente che non potrai mai dire “È solo vuoto”, oppure “È solo nulla”. Quel vuoto è Dio stesso. Quando sei vuoto, quando sei nel quieora, quando in te non c’è alcun desiderio che possa allontanarti dalla tua realtà … Dio è in te. “Dio” significa “ciò che è”. Dio è già presente in te, ma la tua mente che desidera non ti permette di vederlo. La tua mente che desidera ti trasforma in una scimmia e tu continui a saltare da un ramo all’altro. Continui a saltare, non sei mai in uno stato di riposo. Un desiderio o l’altro non fa differenza, un desiderio ne crea un altro … ininterrottamente. Quando non hai desideri dove potresti andare? Quando non hai desideri dov’è il futuro? Quando non hai desideri dov’è il tempo? Dov’è il passato? Quando non hai desideri dov’è la mente? Dov’è la memoria? Dov’è l’immaginazione? È sparito tutto! Devi solo recidere un’unica radice, che è la radice principale dell’albero della mente: recidi il desiderio e sii semplicemente. In quello stato di semplice essere, sarai una canna di bambù vuota. Nell’istante in cui sarai una canna di bambù vuota la realtà esploderà in te! Come se fosse stata in attesa da sempre, ma tu non eri disponibile: t’inonderà!>>…

Fonte: Osho – “I libri del fiore d’oro © 2000 by News Services Corporation, Arona (NO). © 2007 RCS Libri S.p.A., Milano. Prima edizione Firme Oro Bompiani: novembre 2007 (ISBN 978-88-486-0341-6, pag. 551-552). © 1979 Osho International Foundation, CH8001, Zurigo, Svizzera.

 

Come?

Ti stai chiedendo

se so cosa sia la coerenza?

Certamente! È un qualcosa che

è strettamente connesso con l’Esistenza

creata esclusivamente per Noi,

affinché ne facessimo esperienza

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Senza categoria. Contrassegna il permalink.

Una risposta a DESIDERATA

  1. L'amico Mauro ha detto:

    ANSIA
    … “Ora, desideriamo anche parlare di una parola che molti di voi sentono: ansia. Molti di voi hanno sentito un’ansia incredibilmente forte, crescente negli ultimi tre o quattro mesi. Per alcuni di voi si è trasformata in una vera e propria depressione. Per gli altri si tratta semplicemente di ansia, il non riuscire a dormire tutta la notte senza preoccuparsi di qualcosa. Questo succede per via dell’assottigliamento del velo. Anche se l’avete atteso con impazienza e vi abbiamo detto per molto tempo che il velo è in realtà vostro amico, esso vi ha impedito di sentire troppe cose. Di conseguenza molti di voi si sentono in qualche modo scoraggiati. Sentite la mancanza di quella scintilla di vita molto particolare che avete portato da Casa. Siate pazienti, carissimi. Non giudicate voi stessi per una sola notte insonne, o per i vostri sentimenti, o anche per come vi sentite in questi tempi di cambiamento” …
    http://www.stazioneceleste.it/lightworker/lightworker_2014_12.htm

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...